giovedì 25 giugno 2015

I TRIBUTI: "What a wonderful world" from Luis Armstrong to Joey Ramone

Voglio dirlo fin da subito: non siamo di fronte ad un caso da "allievo che supera il maestro". In altre parole la cover in oggetto non ha alcuna speranza di superare l'originale. La delicatezza degli archi contrapposta alla ruvidezza gentile della voce nera che più nera non si può del grandissimo Armstrong hanno aperto le porte della storia a questo pezzo, e il tributo di Ramone ha solo la peculiarità di portarlo in sonorità diametralmente opposte.
Non c'è molto altro in questo pezzo, solo l'estrema differenza tra le due versioni, la sorpresa nello scoprire che il più grande cantante punk d'america ha voluto omaggiare un pezzo così lontano dal suo mondo. Il risultato è una metamorfosi decisamente apprezzabile, ma l'originale, a mio modesto parere, è perfetto così com'è.
A voi l'ardua sentenza


"What a wonderful world" versione originale di Luis Armstrong

 "What a wonderful world" cover di Joey Ramone

2 commenti:

  1. è quasi più famosa la cover ...today!
    Ma effettivamente la versione di armstrong è innegabilmente imprescindibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è uno degli aspetti più divertenti delle cover, quei casi in cui si scopre prima l'omaggio e solo in seguito l'originale. E il bello è che a quel punto, che si sappia o meno che si è ascoltata prima la cover, ormai il pezzo di riferimento sarà per forza di cose quello che ha raggiunto per primo i nostri timpani :)

      Elimina

Grazie per il tuo commento pellegrino :) Ricorda di spuntare l'avviso di notifica!