venerdì 24 luglio 2015

I TRIBUTI: "Whit a little help from my friends" from Beatles to Joe Cocker

Rieccoci qui signori miei, a parlare di cover.
E lo facciamo con tutti i crismi, prendendo in esame uno di quei casi in cui a fare notizia e storia è stata più la cover che l'originale. Vi espongo la situazione: da un lato i Beatles, ed ho già detto più che abbastanza sul loro conto. Dall'altro Joe Cocker, e sti cazzi. Il palcoscenico, tenetevi forte... Woodstock. "Quella" Woodstock, la sola ed unica. Quel palco leggendario sul quale cantarono giganti degli anni 60 e 70 tra cui Jimi Hendrix e Janis Joplin. Lì su quel palcoscenico che sarebbe entrato nella storia del Rock, un giovanissimo Joe Cocker, con all'attivo un solo disco, si esibì in una cover di un pezzo dei Beatles, "Whit a little help from my friends" appunto. Un canzone che era stata scritta appositamente per permettere a Ringo Star di cantarla nel disco, e che sarebbe diventata uno dei tantissimi pezzi storici nella scuderia degli "scarafaggi". 

Ma Joe Cocker volle dire la sua su questo pezzo, e lo fece a modo suo. Su quel palco regalò ai presenti un tributo dal gusto rhythm'n'blues di tale bellezza che persino gli autori del pezzo ispiratore dovettero ammettere che si, la tua versione è fottutamente più bella della nostra, Joe. E se i Beatles sono arrivati a tanto, signori miei, chi sono io per contraddirli? Anche se in realtà non ne avrei alcun motivo, dato che sono fottutamente d'accordo con loro! Vediamo che ne pensate.
A voi la sentenza.


"Whit a little help from my friends" versione originale dei Beatles


"Whit a little help from my friends" cover di Joe Cocker 

8 commenti:

  1. What would you do if I sang out of tune?

    Sono pienamente d'accordo. Amo i Beatles anche e soprattutto per quello che hanno rappresentato, ma questa cover di Joe da un senso alla canzone! E non sapevo che l'aveva cantata per la prima volta a woodstock

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non so se sia stata la prima esibizione live della canzone, ma è molto probabile. Il disco omonimo che la conteneva era uscito a fine aprile del 69, mentre il festival si ebbe a metà agosto ;) Un'altra chicca da sapere è che nel disco a suonare la chitarra per questo pezzo era nientemeno che Jimmi Page!

      Elimina
    2. M'immagino il trip di chi era presente e conosceva l'originale *0*

      Elimina
  2. Non è il gusto di andare controcorrente, però a me piace più la versione dei Beetles. Nulla da togliere alla cover di Joe Cocker... de gustibus! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo è bello perché è vario, e datemi un amen per questo! Al mio cuore rockettaro non può non piacere di più la struggente versione di Joe ;)

      Elimina
  3. Come promesso ti ho nominato in questa nuova iniziativa per promuovere i blog:
    jessicasbooks89.blogspot.it/2015/09/link-party-di-settembre-welcome-to-all.html
    Spero che ti abbia fatto piacere! A presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *______* grazie mille Sophia! E' un bellissimo regalo da fare il giorno in cui finalmente torno a scrivere sul mio blog :D Corro subito a leggere le lodi che hai tessuto su di me :p

      Elimina

Grazie per il tuo commento pellegrino :) Ricorda di spuntare l'avviso di notifica!